Le immagini sono coperte da Copyright e non è possibile scaricarle o copiarle senza autorizzazione - No download it is possible
logo

SS18 / Highway18

 

SS18   Highway 18

La strada statale 18 Tirrena Inferiore è un'importante arteria di collegamento tra la Campania e la Calabria (dopo l'autostrada A3) ed è anche una delle più importanti e lunghe del sud Italia, dato che percorre la costa tirrenica lungo la direttrice stradale e ferroviaria Napoli - Reggio Calabria, collegando così i due centri urbani più estesi della Campania e della Calabria. Si presenta nella sua interezza ad una sola carreggiata con due corsie, una per ogni senso di marcia. In seguito al decreto legislativo n. 112 del 1998, dal 17 ottobre 2001, la gestione del tratto Napoli - Salerno è passata dall'ANAS alla Regione Campania, che ha ulteriormente delegato le competenze alla Provincia di Napoli e alla Provincia di Salerno. Il tratto non più a gestione ANAS costeggia l'autostrada A3, toccando i principali centri della provincia di Napoli, tra cui Ercolano, Portici, Torre del Greco, Torre Annunziata e Pompei. Entrando poi nel salernitano, costeggiando l'autostrada A3 attraversa Scafati, Angri, Pagani, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Cava de' Tirreni, Vietri sul Mare e arriva a Salerno. La statale in seguito, non più affiancata dalla A3, riprende il vecchio tracciato, che si presenta omogeneo e rettilineo e abbastanza agevole da percorrere, attraversando la piana del Sele ed i territori comunali di Pontecagnano Faiano, Bellizzi, Battipaglia, Eboli, Capaccio e Agropoli, da dove entra nel territorio del Cilento. Il tratto cilentano si presenta piuttosto irregolare e tortuoso, la sede stradale è abbastanza stretta, caratterizzata da moltissimi tornanti e curve, inerpicandosi nell'entroterra e attraversando numerosi paesi montani sorti alle pendici del Gelbison e del Cervati, attraversando i principali centri abitati di Ogliastro Cilento, Prignano Cilento, Rutino, Vallo della Lucania, Laurito, Alfano, Torre Orsaia, Policastro Bussentino e infine Sapri. La statale, in prossimità di Policastro Bussentino, costeggia il litorale del golfo di Policastro e dopo Sapri entra in Basilicata. Dopo aver attraversato la breve costa tirrenica lucana, lunga appena una quindicina di kilometri, presso Tortora entra nel territorio calabrese; da qui, dopo aver attraversato numerosi borghi costieri delle province di Cosenza, Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria, giunge a Villa San Giovanni (da dove è possibile prendere il traghetto per la Sicilia), e termina infine a Reggio Calabria, nel quartiere di Santa Caterina situato a nord della città.

The 18 tirrena highway is a major artery connection between Campania and Calabria (after the A3) and is also one of the most important and long of southern Italy, as it runs along the tyrrhenian coast along the road and train Naples-Reggio Calabria, thus linking the two largest urban centers of Campania and Calabria. It is presented in its entirety to a single carriageway with two lanes, one for each direction of travel. The highway passing the main centers of the province of Naples, including Ercolano, Portici, Torre del Greco, Torre Annunziata and Pompei. Entering then in Salerno, along the A3 motorway crosses Scafati, Angri, Pagani, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Cava de Tirreni, Vietri sul Mare and get to Salerno. The state then no longer flanked by the A3, is the old path, which is homogeneous and relatively easy and straight ahead, crossing the Plain of the Sele and the municipalities of Faiano, Bellizzi, Battipaglia, Eboli, Capaccio and Agropoli, from where it enters the territory of Cilento. The stretch Cilento is rather irregular and tortuous, the roadway is quite narrow, marked by many twists and turns, climbing inland and crossing numerous mountain villages on the slopes of fate and Gelbison Cervati, crossing the main population centers of Ogliastro cilento, Prignano cilento, Rutino, Vallo della Lucania, Laurito, Alfano, Policastro Bussentino and finally Sapri. The state, near Policastro Bussentino, along the coast of the gulf of Policastro and after Sapri comes in Basilicata. After crossing the short tyrrhenian coast of Basilicata, just fifteen kilometers long, at dove enters the territory of Calabria; from here, after going through several coastal villages in the provinces of Cosenza, came to Villa San Giovanni (from where you can catch the ferry to Sicily), and finally ends in Reggio Calabria, in the district of Santa Caterina is located north of the city.

( wikipedia )

 

 

Mauro Francesco Minervino   Statale 18
dalla presentazione di “Statale 18”, ed. Fandango, Roma 2010

La statale 18 è una delle tante arterie stradali del sud. Strada mortale, disseminata di curve, gallerie, incantevoli scorci, ma anche brutture vergognose. Il dissennato abusivismo, la gestione sconsiderata delle coste cementificate, ma anche le contraddizioni di località sul mare che uniscono ai loro panorami mozzafiato, un’inquietudine nascosta. A pochi chilometri dalla più famosa e famigerata Salerno-Reggio Calabria questo lembo di asfalto, che unisce le località tirreniche della Calabria, è lo specchio più fedele di una regione e di un paese. Mauro Francesco Minervino, antropologo e scrittore tra invettiva e poesia racconta ed emoziona come i narratori ottocenteschi del gran tour. La Statale è un pretesto per descrivere un’Italia ancora pasolinianamente impossibilitata alla modernizzazione, tra degrado ambientale e la natura che resiste.

The highway 18 is one of many roads in the south. Deadly road, strewn with curves, tunnels, beautiful views, but also shameful ugliness. The senseless illegal, reckless management of the coasts cemented, but also the contradictions of seaside towns that join their breathtaking views, hidden anxiety. A few kilometers from the most famous and infamous Salerno-Reggio Calabria this strip of asphalt, which combines the locality of the Tyrrhenian Calabria, is the most faithful mirror of a region and a country. Mauro Francesco Minervino, anthropologist and writer of poetry and invective says and moves as the narrators of nineteenth-century grand tour. The state is an excuse to describe Italy still unable to modernization, including environmental degradation and the nature that endures.

 

Franco Sortini     SS18   Highway 18  

Tra Battipaglia ed Agropoli resiste un tratto di circa 40 chilometri della strada statale 18, la mitica SS18, che fino a qualche decennio fa univa il sud dell’Italia con il resto del Paese. Era una strada a volte panoramica, a volte impervia. D’inverno si sale fin sulla Sila, e nebbia e neve ti accompagnano nel cammino. Ero ragazzino ed abitavo a Cosenza, e quando dovevamo venire su era un lungo e periglioso viaggio, con tanto di lasagnata e frittatona di maccheroni che si consumava sul lago di Sirino, per riposarsi un po’. Oggi la SS18 è una strada, a tratti, di intenso traffico, che scorre, lenta, fra centri commerciali, negozi, paesi improbabili, serre…. Il tratto che va da Battipaglia ad Agropoli forse è quello, in Campania, fra i più trafficati, dovendo unire due centri di importanza strategica per la provincia di Salerno: Battipaglia, snodo pseudo agricolo/industriale della più nota Salerno - Reggio Calabria, e Agropoli, porta per il Cilento ed il mare. D’estate tecnicamente impraticabile nei fine settimana, per le migliaia di turisti che si riversano sulle coste. Lo sguardo scorre lento dal finestrino della macchina. A volte si posa su brutture edilizie che “voi umani non potreste nemmeno immaginarvi”, a volte la natura e gli alberi prendono il sopravvento. A tratti si apre sul mare azzurro, e l’animo si riprende. Il paesaggio mutevole incombe sul nastro di asfalto, sempre uguale, sempre da rifare…….

Between Battipaglia and Agropoli resists a stretch of about 40 km of the national highway 18, the legendary ss18, which until a few years ago joined the south of Italy with the rest of the country. It was a scenic road sometimes, sometimes inaccessible. In winter it rises to the Sila, and fog and snow will accompany you on the journey. I was a kid and lived in Cosenza, and when we had to come up was a long and perilous journey, with lots of macaroni that was consumed on lake Sirino, to rest for a while. Today ss18 is a road at times of heavy traffic, flowing, slow, including shopping centers, shops, improbable countries, greenhouses. The stretch from Agropoli to Battipaglia is perhaps that, in Campania, including the busiest, having to merge two centers of strategic importance for the province of Salerno, Battipaglia, pivot pseudo agricultural / industrial best known Salerno- Reggio Calabria, and Agropoli , leads to the Cilento and the sea. On summer weekends technically impracticable, for the thousands of tourists who flock to the coasts. The eye flows slowly from the car window. Sometimes rests on ugly buildings that “you people would not even imagine,” sometimes nature and trees take over. At times you open the blue sea, and the soul recovers. The changing landscape hanging on the strip, always the same, always be redone …